• Cerca
  • Lost Password?
  • Lost Password?

Primo levi – la tregua

Appena ho finito di leggerlo, la prima cosa che ho pensato è stata che recensire questo libro non fosse una grande idea, non perché difficile ma perché ha fatto tanto discutere e tanti scrittori se ne sono occupati, che sarebbe stato come, non so, fare una recensione de I Promessi Sposi!!! Ma si sa, quando hai un’idea, levarla dalla testa è difficile!

Tutti nella vita viaggiano, chi per lavoro, chi per passione, c’è chi affronta traversate oceaniche e chi ogni mattina prende il treno per andare a scuola o all’università; La Tregua racconta un viaggio diverso: fotografa la devastazione dell’Europa all’indomani della fine del secondo conflitto mondiale, vista attraverso le tappe del ritorno a casa dello scrittore dal lager di Auschwitz fino a Torino. C’è da chiedersi allora: perché leggere un libro così? Non era bastato ‘Se questo è un uomo’? Ebbene penso che questo sia profondamente diverso rispetto al primo romanzo: Levi rievoca e dipinge il paesaggio, le condizioni di vita, la cultura di quei giorni in maniera lucida e realistica; è un viaggio che ci svela il senso della vita, l’amore per essa che, un tempo, aveva lasciato il posto all’odio, alla paura e alla fame ma che ora viene ritrovato e riconquistato. In questo quadro, l’autore incontra tanti personaggi, tutti diversi tra loro ma accomunati dalla voglia di tornare a vivere la loro vita. Il narratore osserva, descrive ma non è il protagonista; resta in disparte ma soffre, vive e gioisce con gli altri tra l’euforica gioia dei vincitori russi e la più pacata estasi dei polacchi, nella ricerca di quel calore umano che il lager aveva cancellato.

«[..] Ma la guerra è finita – obiettai: e la pensavo finita, come molti in quei mesi di tregua, in un senso molto più universale di quanto si osi pensare oggi. – Guerra è sempre – rispose memorabilmente Mordo Nahum »

Condividi
Recensione di
Redazione
Vedi tutti i post
Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

3 commenti
  • Ho letto Se questo è un uomo e ammetto di aver dovuto interrompere spesso la lettura perché non riuscivo ad andare avanti, mi sentivo troppo male.

    E' incredibile e importante che ci sia stata gente come lui in grado di testimoniare un tale orrore. E c'è gente che ancora nega l'olocausto.

  • Un libro di Primo Levi secondo me dovrebbero leggerlo tutti, nella vita. Almeno uno. Cosi' gli passa, a certa gente, la voglia di raccontare palle su questa tragedia. Per non parlare della qualita' letteraria, che pero' purtroppo passa davvero in secondo piano, con un simile contenuto.
    Capelli d'Argento

Recensione di Redazione

Slider by webdesign