• Cerca
  • Lost Password?
  • Lost Password?

Smith & Wesson- Alessandro Baricco

Smith e Wesson è l’ultimo, nuovo di pacca, libro di Alessandro Baricco e vi anticipo che non parla di armi da fuoco.
I protagonisti, per colpa dei loro cognomi potenzialmente ingannevoli hanno anche provato a usare i nomi propri, ma il risultato -Tom&Jerry- risultava comunque inappropriato, perché questo libro non parla nemmeno di cartoni animati.
Si tratta invece di una pièce teatrale composta da tre personaggi, un geniale nonché pluri ricercato inventore, un esperto conoscitore di fiumi e fondali e, da Rachel (Rachel Green, come quella di FRIENDS), una giovane fanciulla che è proprio il trigger di tutta la vicenda, sebbene il suo nome non figuri nel titolo. Questa ragazza nutre l’aspirazione di diventare una famosa giornalista d’assalto, ma si ritrova regolarmente incastrata tra la fotocopiatrice, e nel migliore dei casi le sagre di paese, finché un giorno la sua frustrazione la conduce a una drastica decisione: diventare lei stessa la storia. Per attirare l’attenzione delle masse decide di cimentarsi in un’impresa sognata da molti e non ancora attuata, vale a dire gettarsi dalle cascate del Niagara, e sopravvivere per raccontarlo. Per fare questo cercherà l’aiuto di Smith e Wesson, che metteranno a servizio dell’ impresa le loro conoscenze e abilità uniche al mondo. Il ritmo scorre in un crescendo, che richiama l’avvicinarsi nei personaggi alle rapide fino alla discesa finale, il salto nel buio, lo schianto e l’epilogo. La storia dei tre personaggi è la storia di una goccia nelle cascate del Niagara in caduta libera verso l’ignoto.

Devo dire che essendo una amante di Baricco mi aspettavo qualcosa di più, una lettura da 40 minuti d’orologio, per 51fMm5AoXHL._SY344_BO1,204,203,200_quanto bella non riesce mai a lasciarmi molto. Lo apri e ti ritrovi un interlinea di due centimetri e pagine spesse come fette di salame, un po’ deludente. D’altra parte l’attenzione per la musica, il ritmo, i personaggi fanno presagire un’ottima riuscita a livello teatrale, parrebbe insomma un libro da vedere più che da leggere, a voi attori l’arduo compito!

PS. Restando in tema, vi lascio il link di una delle mie chicche preferite: un giovanissimo Baricco racconta il Cyrano de Bergerac, sono quattro filmati su youtube, se avete tempo guardatelo perché è la fine del mondo!

 

Condividi
Recensione di
Margherita Gabba

Sono Margherita, ho 30 anni e faccio il medico di Pavia. Amo la narrativa, soprattutto quella che pone l’ attenzione sulla psicologia dei personaggi. Tra i miei autori preferiti troverete Nevo, Franzen, Grossman e Svevo. In sintesi mi definirei una lettrice egocentrica; mi piace ritrovarmi nelle parole di altri, i fortunati scrittori che hanno il dono di sapersi raccontare nero su bianco. Ogni libro è un incontro e serve il giusto tempismo per amarlo davvero, per far scattare la scintilla che trasforma una bella lettura in un ricordo prezioso.

Vedi tutti i post
Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Recensione di Margherita Gabba

Slider by webdesign