Racconti Immaginari: Winner’s Time#2

A quanto pare vi state pigramente godendo un po’ di meritata vacanza, eh? Avete partecipato comunque in tanti, e i vostri racconti sono stati delicati e raffinati, senza sbavature o macchie d’inchiostro! Qualcuno però, si è lasciato un po’ andare, travolto dall’ispirazione? Vi ricordo che il limite di parole è dieci, e per questo, sono stata costretta a eliminare qualcuna delle vostre splendide storie. Nonostante tutto,  questa settimana vi farei vincere tutti, per quanto mi siete piaciuti, ma sono costretta a scegliere, e quindi scegliamo.

Però, prima di svelarvi la mia storia preferita, è doverosa una Classifica Onoraria, che questa settimana vede protagonisti i nostri Recensori Immaginari: siete stati tutti magnifici, ma non temete, ci sarà una gara tutta per noi una delle prossime volte… quindi tenete affilate le matite!
Eccoli qua, i tre vincitori fuori gara di questa settimana:

La medaglia di bronzo va a Delly e al suo inchiostro, che mi ha fatto pensare a Biancaneve e alle sue “labbra rosse come una rosa”: Inchiostro rosso ovunque, perfino sulle sue labbra chiare.

Secondo posto sofferto, vi avrei messo a pari merito, ma una classifica è una classifica, giusto?! Vivien, mi hai conquistata con un baciamano che sa un po’ di Tim Burton: Le baciò la mano: sapore acre, d’inchiostro, sulle labbra.

Proclamo, infine, Vincitore Immaginario, SpeakerMuto e la sua storia alla Neil Gaiman (questa settimana ho trovato un corrispettivo per tutti i nostri Recensori!): Fissò il calamaio: in un mare di inchiostro, nuotavano sogni.

Passiamo ora alla Classifica Reale. I protagonisti siete voi, Lettori: devo complimentarmi ancora una volta con tutti per la fantasia dimostrata, e per non esservi lasciati scoraggiare dall’elemento obbligatorio; avete tutti tirato fuori dal cilindro un pezzetto di fantasia, plasmando l’Inchiostro, e sguazzandoci dentro come dei nuotatori esperti.

Terza classificata, la romantica Barbara, che dà un tocco di colore al grigio del primo e secondo posto: Usava inchiostro di emozioni per scrivere parole d’amore.

Il secondo posto, anche qui, come sempre, sofferto, va a Gioh, con il suo racconto agghiacciante: Vent’anni e scrisse addio, con inchiostro nero sui polsi.

E la medaglia d’oro di questa settimana, va al nostro Cantagallo, così apprezzato la volta scorsa, che si è dimostrato creativo anche in questa seconda puntata! Gocce lavano l’inchiostro sul muro. Svaniscono ricordi di gioventù.

Cantagallo, fatti vivo e contattaci (redazione@lalibreriaimmaginaria.it), non fare come Thomas che è ancora latitante! Ehi, Thomas? Ti stiamo ancora aspettando!

Vi aspetto alla puntata di martedì prossimo, ma sappiate che vi metterò a dura prova, tanto per smuovere un po’ i nostri neuroni intorpiditi dal caldo!

Buona settimana, e Bravi Tutti!