Racconti immaginari #9: Winner’s time!

In questa bella domenica di sole (e d’azzurro, potremmo dire qui a Roma, visto il cielo limpido che ci ha colorato la giornata) che ormai volge al termine, sto per svelarvi le storie vincitrici di questa puntata speciale.

large

Spesso con un sorriso sulle labbra, difficile vederle con una lacrima sul viso, fanno buon viso a cattivo gioco, e sostengono i pesi di un’intera famiglia con forza e sapienza. Per celebrare quelle belle donne che ogni giorno lavorano e si prodigano per i propri figli, ecco qua, un omaggio a loro, e al loro lavoro. A quello che fanno, e a quello che sono. A quando ci rompono, e a quando/quanto ci mancano. A quello che sopportano e a come lo sopportano: inserendo i mille dispiaceri e le piccole gioie della vita in una lista della spesa immaginaria, sempre indaffarate nel prossimo pensiero.

large (1)

Non so se la vostra mamma si riconoscerebbe in questa descrizione, oppure è solo la mia che somiglia a un supereroe.

Fatto sta che questi tre racconti sono per voi, MAMME!

large (2)

“Bramo braccia di aria per poter stringere il tuo ricordo.” .{Darsch}.

“Profumo di latte, lavanda e marsiglia. Lei, il mio primo ricordo.” .{Farnocchia}.

“Alla madre restavano solo piccole croci di figli perduti.” .{VoceLibera}.