Racconti Immaginari #4

Bentornati, miei cari storyaddicted! Belle vacanze? Visitato bei posti? Quanti libri avete divorato in aeroporto, sulla nave, stesi su un lettino in riva al mare, o tra un’escursione e l’altra sui monti? Ci sarà anche qualcuno che i libri, se li è letti a casa sua, sotto al condizionatore, o in piscina –ehm ehm-, in attesa della partenza settembrina, ma, come si suol dire, l’importante è aver letto, essersi rilassati ed essersi goduti le vacanze!

Qualcuno di voi avrà già ripreso ad andare in ufficio, a lamentarsi degli autobus che non passano mai, a sognare la prossima estate, ma intanto, per ricordarci di questa, e non lasciarla andar via senza nemmeno salutarla, vi propongo la nuova sfida di questa settimana.

Un racconto di dieci parole ispirato al libro della vostra estate! Avete letto un giallo sotto l’ombrellone? Oppure un mattone alla Ken Follett, nonostante il gran caldo? Magari vi siete rintanati in atmosfere fantascientifiche, con paesaggi dai gradi inesistenti, per proteggervi dall’afa? Oppure avete fatto tutte queste cose e mille altre ancora. In fondo, il vero lettore non va mai in vacanza senza una rosa di titoli tra cui scegliere, a costo di stipare i libri in una valigia già fin troppo piena!

Sceglietene uno, diteci quale vi ha appassionato di più, e costruite un racconto in dieci parole ispirandovi all’autore, al personaggio prediletto, a un’atmosfera, a una sensazione, insomma: create!

Nel frattempo, vi lascio la mia storia, i miei “buona fortuna”, e l’avvertimento di partecipare entro e non oltre la mezzanotte di lunedì.

Buona scrittura!

Addendum: premetto che ho avuto un’estate davvero pessima dal punto di vista libresco. Mi sono ritrovata a leggere storie scontate, che non mi hanno appassionato, nonostante l’aspettativa che aleggiava intorno a loro. E cosa ancor peggiore, scorrendo la mia libreria su Anobii, ho notato che ho costellato le ultime letture di una, due, o massimo tre stelline. Quindi direi che il libro dell’estate è proprio quello che sto leggendo in questo periodo, American Gods di Neil Gaiman. Ed è per questo che il mio racconto è ispirato agli dei nordici. Enjoy :D

Lo leggeva nelle rune. Sussurravano minacciose. Odino era nei guai. .{Trix}.

Addendum: Causa vacanze ritardatarie, il contest resterà aperto per un’altra settimana! Avete tempo fino a lunedì prossimo, a mezzanotte, as usually!