• Cerca
  • Lost Password?
  • Lost Password?

Pane cose e cappuccino dal fornaio di Elmwood Springs – Fannie Flagg

Fannie Flagg. Si fa sempre amare, con quel suo tocco delicato e mai intrusivo, con cui parla dei grandi problemi nella storia americana del dopo guerra.
Una scrittrice dotata di grande sensibilità, che con semplicità ti cattura nella rete della sua storia, facendoti arrivare alla fine del libro  al massimo in un paio di giorni.
La soluzione perfetta ai momenti in cui ci si chiede: cosa posso leggere ora?

Siamo negli anni ’70 e Dena Normstrong è una famosa giornalista americana, all’apice del successo, stella di punta di uno dei network più in vista del Paese. Come tante donne in carriera, lo stress dovuto a un lavoro così impegnativo la divora, e forse non solo quello. Dena è avvolta da un’aura misteriosa e nebulosa: nessuno la conosce abbastanza bene per sapere con precisione cosa è successo nel suo passato. Ha una sola amica, e pochissimi conoscenti. Sembra infischiarsene della gente e dei rapporti umani, finché, la sua gastroenterite da stress la costringe ad andare da uno psichiatra, Gerry O’Malley. Sfortunatamente, Gerry si innamora a prima vista di Dena, e a sua volta le consiglia di andare da un’ipnoterapista di sua conoscenza, dove la protagonista è costretta, una volta per tutte, a fare i conti col suo passato…

Una storia che parte piuttosto pigramente, come la vita di quelle cittadine di provincia che Fannie Flagg ama così tanto inserire nelle sue trame. Una storia che però, si rivela deliziosa e intrigante, che ti intrappola tra le pagine finché il lettore non scopre la verità su Dena e la sua famiglia.

L’autrice non tralascia, naturalmente, il tema dei neri americani, che sembra starle tanto a cuore. Come sempre, lo tratta con un tale tatto e un garbo commoventi.

Il lettore si ritrova a leggere una sorta di giallo, che però si conclude, in un happy ending, of course, nel quale il sogno americano –anch’esso tema onnipresente nei romanzi di Fannie Flagg- trionfa su una realtà più amara di quello che sembra.

Condividi
Recensione di
Trix
Vedi tutti i post
Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Recensione di Trix

Slider by webdesign