• La giostra dei criceti_ Antonio Manzini

    http://www.lalibreriaimmaginaria.it/wp-content/uploads/2017/04/FB_IMG_1488460700635-250x180.jpg

    Published 27 aprile 2017 at 15:19 - No Comments Una trama degna di una sceneggiatura hollywoodiana. Una manciata di personaggi ,delineati a regola d'arte, che sono meccanismi  di un ingranaggio più grande di loro, senza neanche rendersene conto. Inconsapevoli. Questa è la giostra dei criceti. Questo siamo noi, se ci soffermiamo a riflettere. L ...

    La giostra dei criceti_ Antonio Manzini
  • Madre Terra Fratello Fuoco – Maurizio Patriciello e le mamme della Terra dei Fuochi

    http://www.lalibreriaimmaginaria.it/wp-content/uploads/2017/04/2N0ZZgo25CbN_s4-200x180.jpg

    Published 17 aprile 2017 at 05:08 - No Comments Da quando, alla fine degli anni Novanta, il pentito Carmine Schiavone ha rivelato gli spaventosi segreti della Terra dei fuochi, gli abitanti delle città tra Napoli e Caserta conoscono almeno una delle cause dei tanti tumori che li stanno uccidendo: la camorra smaltisce illegalmente sul territorio ...

    Madre Terra Fratello Fuoco – Maurizio Patriciello e le mamme della Terra dei Fuochi
  • In fuga con la zia – Miriam Toews

    http://www.lalibreriaimmaginaria.it/wp-content/uploads/2017/03/images-200x180.jpg

    Published 28 marzo 2017 at 19:09 - No Comments Miriam Toews è un'autrice dalla penna indimenticabile e forse è proprio per questo che la marcos y marcos ha deciso di ripubblicare a distanza di anni In fuga con la zia, che precede di 7 anni il meraviglioso I miei piccoli dispiaceri del quale vi ho parlato ai tempi della sua pubblicazione. Il ce ...

    In fuga con la zia – Miriam Toews
  • La figlia femmina – Anna Giurickovic Dato

    http://www.lalibreriaimmaginaria.it/wp-content/uploads/2017/03/femmina-light-240x366-240x180.jpg

    Published 13 marzo 2017 at 23:24 - No Comments Anna Giurickovic Dato ha 27 anni e per il suo primo romanzo ha scelto di raccontare una storia sconcertante e fastidiosa. Fastidio è proprio la sensazione che ho provato inoltrandomi nella lettura, seguendo lo schema dell'autrice che ha deciso di portare i lettori in un antro così scuro del suo mo ...

    La figlia femmina – Anna Giurickovic Dato
  • Dalla libreria al cinema #38 – Il racconto dell’ancella

    http://www.lalibreriaimmaginaria.it/wp-content/uploads/2017/03/41MguzTGHzL._SX335_BO1204203200_-250x180.jpg

    Published 8 marzo 2017 at 05:34 - No Comments Nel 1985 la scrittrice canadese Margaret Atwood (Ottawa, 1939) pubblicò un romanzo distopico che ha ricevuto il Premio Arthur C. Clarke e il Governor General's Award e candidature a diversi altri riconoscimenti: il titolo, ispirato a Chaucer, è Il racconto dell'ancella (The Handmaid's Tale). Dopo ...

    Dalla libreria al cinema #38 – Il racconto dell’ancella
  • Lacci – Domenico Starnone

    http://www.lalibreriaimmaginaria.it/wp-content/uploads/2017/01/Lacci-250x180.jpg

    Published 27 gennaio 2017 at 13:13 - No Comments Un matrimonio, un adulterio, una crisi - un rapporto che sembrava aver tutto e invece si svela fragile. La reazione di lei (gli ultimatum, l'evidenza delle responsabilità), le indecisioni di lui (la gioia di vivere trasmessa dall'amante, il riflesso nel proprio successo professionale, il dolore che ...

    Lacci – Domenico Starnone

I migliori di noi – Andrea Scanzi

Andrea Scanzi nasce giornalista, lavorando soprattutto per il Fatto Quotidiano. Il suo stile effimero, pungente ed estremamente colloquiale lo mette in cima ai miei preferiti del settore. Per questo non appena ho saputo che un romanzo era all’ orizzonte mi sono incuriosita e ho deciso di comprarlo. Lo stile è sempre il suo: stream of conciousness del ventunesimo secolo, incalzante a tal punto che a tratti c’è da chiedersi se a parlare sia lui, o le molte voci narranti nella sua testa. Estremamente autobiografico, questo romanzo nasce ad Arezzo, tra le mura della città vecchia, con le sue viuzze e i suoi luoghi di aggregazione, simbolo di un Italia che continua a brulicare fuori dai grandi Leggi tutto

Non dire notte – Amos Oz

Continuando il mio viaggio nella letteratura israeliana, sono stata attirata da un titolo suggestivo, Non dire notte (Al taghidi layla, 1994) di Amos Oz (Gerusalemme, 1939). Dello stesso scrittore ho amato il recente Giuda, ma anche questo romanzo di vent'anni prima, estremamente diverso ma accomunato all'altro dalla vena intimista e malinconica, è un'opera apprezzabile. Theo e Noa si sono conosciuti in Sudamerica e insieme sono tornati a vivere in Israele, a Tel Kedar, un piccolo centro al confine del deserto del Negev. Lui è di quindici anni più anziano ed è un urbanista in pensione; lei insegna letteratura. Quando il giovane Immanuel, studente introverso e amante della letteratura, muore Leggi tutto

Dalla Libreria al Cinema #39 Colazione da Tiffany – Truman Capote

"La più bella storia d’amore di tutti i tempi", recita la fascetta in sovra-coperta. In copertina la divina Audrey Hepburn, che indossa il tubino nero più famoso di tutta la storia dello spettacolo. In quarta di copertina: “da questo libro il film vincitore di 2 premi oscar con Audrey Hepburn e Mickey Rooney”. “Non giudicare il libro dalla sua copertina” Sono d’accordo, ma in questo caso non si può fare a meno se non di giudicare, almeno di partire dalla copertina, che rimanda ad uno dei film più belli della storia del Cinema. Lasciamo un attimo da parte il film, e concentriamoci sul libro, nella versione italiana edito da Garzanti. La prima cosa che mi ha colpito è Leggi tutto

Le piccole memorie – José Saramago

Prima ancora che uno scrittore tra i più originali e un interprete tra i più lucidi del nostro tempo, José Saramago (Azinhaga, 1922 - Tías, 2010) è stato un uomo, la cui vita si trova riflessa più o meno direttamente nelle sue opere. Consapevole della traccia profonda che gli anni dell'infanzia e dell'adolescenza avevano lasciato impressa in lui, Saramago ha voluto raccogliere le più importanti delle sue memorie giovanili: così è nato Le piccole memorie (As pequenas mémorias, 2006). Il flusso dei ricordi non segue l'ordine cronologico degli eventi, bensì quello delle libere associazioni di idee, nella consapevolezza, peraltro, che la memoria può tradire, confondere, sovrapporre, Leggi tutto

Lacci – Domenico Starnone

Un matrimonio, un adulterio, una crisi - un rapporto che sembrava aver tutto e invece si svela fragile. La reazione di lei (gli ultimatum, l'evidenza delle responsabilità), le indecisioni di lui (la gioia di vivere trasmessa dall'amante, il riflesso nel proprio successo professionale, il dolore che sa di dare alla sua famiglia), i figli trasportati dalla corrente dei conflitti. Starnone racconta questa storia con tre voci differenti: la prima parte è affidata alle lettere spedite da lei a lui subito dopo la scoperta del tradimento - troviamo l'urgenza espressiva di chi sta vivendo il dramma in quei giorni: un marito che non vuole proseguire il suo ruolo adducendo ciò che lei considera scuse Leggi tutto

Slider by webdesign