Oltre le parole – Luca Giachi

“Diceva sempre che voleva darmi solo le parole importanti e che tutto il resto era inutile. Una volta mi disse: “Oltre le parole ci sei solo tu. La mia vera rivoluzione”.
 

E’ un caldo e assolato pomeriggio di agosto. Roma è quasi deserta.
Tutto è tranquillo fino a quando, improvvisamente, una 500 gialla cade dal cielo.
Alessia è lì in quel momento ed assiste a questo incredibile spettacolo.
A chi appartiene questa macchina? E da dove è sbucata fuori? E’ realmente caduta dal cielo?
E’ quello che Alessia ha intenzione di scoprire. Gli unici aiuti sono delle lettere, trovate sotto il cruscotto,  scritte da Nadia e indirizzate a Federico, e uno stradario del 1977.
Ad accompagnare la ragazza in questa folle impresa c’è Matteo: un poliziotto incaricato di occuparsi del caso.
Così incomincia la storia vera e propria, che porterà Alessia e Matteo a  viaggiare a bordo di una macchina della municipale e ad indagare sulla faccenda, cercando sempre nuovi indizi su Nadia e Federico.

I due verranno a conoscenza della loro storia che, a poco a poco si fa più profonda, più intima, e li coinvolgerà a tal punto da guardare alle loro vite con occhi diversi e a credere di nuovo nell’amore. 

E' una storia bellissima quella narrata in questo libro poco conosciuto, forse.
Io stessa l'ho scoperto per caso.
E' la storia di Nadia e Federico e di Alessia e Matteo.
E' un racconto dolce e riflessivo allo stesso tempo.
E' un libro, ma non mi stupirei se un giorno ne facessero una trasposizione cinematografica, visto che si presta bene e ha anche una colonna sonora tutta sua.
Infatti sono citati numerosi gruppi e cantanti come: Bjork, Him, Beatles, Who, Velvet Underground, Pixies e Owen.
Consigliato se si sta cercando una lettura leggera e un po' diversa dal solito.