L’uccello del malaugurio-Läckberg Camilla

Fjällbacka sta per lasciarsi alle spalle un altro dei suoi lunghi inverni silenziosi, e nella Giunta cittadina c’è chi è ansioso di attirare l’attenzione sul piccolo centro della costa. Quale occasione migliore di un reality show, con telecamere piazzate dovunque a riprendere luoghi e persone che entreranno nelle case di decine di migliaia di telespettatori? La proposta è approvata, i riflettori puntati, ma l’arrivo del cast crea non poco scompiglio, tanto più che il produttore, consapevole che gli scandali aumentano l’audience, si diverte ad alimentare le tensioni tra i concorrenti.

Ma il trambusto mediatico rischia di assorbire anche le risorse della polizia, e il vicecommissario Patrik Hedström, già distratto dai preparativi per il suo matrimonio con Erica, è in affanno: le indagini su una donna morta in circostanze sospette vanno a rilento. Cercando faticosamente di mettere insieme i pezzi di un caso dai mille colpi di scena, tra minacce, segreti e sterili menzogne, Patrik trova un diario e vecchi ritagli di giornale che potrebbero contenere indizi preziosi. E anche un collegamento con un caso molto simile avvenuto solo qualche anno prima. Non gli resta che insistere, per arrivare ad aprire una breccia nel muro di silenzio che la piccola comunità di Fjällbacka erge a difesa della propria immagine, che vuole conservare irreprensibile.

Io amo questa scrittrice, il suo modo di scrivere e come costruisce la storia , come crea personaggi assolutamente autentici e assurdi nella loro lucida follia. Mi piace il suo immergersi e farci immergere dentro la testa dell’assassino, non che sia bello,però ti da la possibilità di capire il perché di certe discese agli inferi, anche se non c’è mai una giustificazione al male. Questo è il quarto appuntamento con Erika Falk, personaggio che ha dato vita ad un ciclo di romanzi, tutti ambientati a Fjallbacka. Ad essere sinceri in questo quarto appuntamento di Erika e del suo acume ci sono pochissime tracce, mentre Patrick è il centro dell’indagine. Se volete un giallo adrenalinico leggetelo, soprattutto con la stagione estiva i gialli vanno sempre bene!