• Cerca
  • Lost Password?
  • Lost Password?

L’occhio del coniglio – Bianca Maria Carchidio

Cerchiamo spesso di dare un senso alla vita, ma si tratta di una forzatura da parte nostra. L’esistenza è fatta di libri dimenticati e ritrovati, verdure affettate, paura di tuffarsi da una barca, primi baci raccontati alla compagna di banco, pulizie di casa, genitori autoritari, passeggiate in bicicletta. Per Bianca Maria Carchidio, insomma, la vita è negli angoletti a cui non facciamo caso ma qui descritti con abilità dall’autrice.

La narrazione procede su due piani paralleli: uno comincia in tempo di guerra, quando una famiglia lascia la città e si rifugia in paese per evitare i bombardamenti, arrivando ai giorni nostri o quasi; l’altro si svolge nel presente, su una barca, e ha come protagonisti una famiglia e un telefono cellulare.

“L’occhio del coniglio” non racconta una storia, ma frammenti di vita – in stile carveriano, forse. Piccoli gesti, sorrisi più che risate, sguardi più che parole, detto senza dire. Non vi aspettate una vera e propria trama, ma gustatevi una scrittura felice che dipinge degli scorci, come un pittore che metta bene a fuoco ciò che ha davanti e che sfugge ai più.

Locchio del coniglio
Condividi
Recensione di
Antonio Soncina

Odio i best seller, soprattutto se di sfumature rosa, gialle o grigie. Ai classici preferisco storie contemporanee. Posso sopravvivere senza il rinomato "odore della carta" ma non con il Kindle scarico.

Vedi tutti i post
Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 commento
Recensione di Antonio Soncina

Slider by webdesign