• Cerca
  • Lost Password?
  • Lost Password?

Le mille luci di New York – Jay McInerney

Consigliatomi dall’amico Luke che conosce la mia predilezione per un certo tipo di narrazione e ambientazione, “Le mille luci di New York” ci offre una New York that doesn’t sleep, abitata da aspiranti romanzieri che ripiegano sul giornalismo mediocre, modelle in fuga dal Midwest, istrioni in limo con bionde sottobraccio. Tutti si ritrovano in feste a base di alcol e cocaina nei bagni dei locali per non fermarsi mai, prima regola per chi abita a Manhattan; soprattutto, non fermarsi mai a riflettere su lavoro insoddisfacente, divorzio, sentimenti.

Non estremo (né ripetitivo) come il Brett Easton Ellis di “Meno di zero”, meno riflessivo del Richard Ford di “Sportswriter“, per l’autore New York è come un orologio contraffatto comprato da un ambulante all’uscita dalla metro per pochi dollari: pensi di essere stato furbo ma alla fine ti ritrovi una fregatura tra le mani.

Le mille luci di NY

Condividi
Recensione di
Antonio Soncina

Odio i best seller, soprattutto se di sfumature rosa, gialle o grigie. Ai classici preferisco storie contemporanee. Posso sopravvivere senza il rinomato "odore della carta" ma non con il Kindle scarico.

Vedi tutti i post
Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 commento
Recensione di Antonio Soncina

Slider by webdesign