La Scrivania Immaginaria #73

Ci pensate mai, voi, alla magia che vive e viene creata dalla penna (o dalle dita e dalla tastiera) di uno scrittore? Mi è venuto in mente leggendo le frasi qui di lato. Quante volte mi è successo, di piangere fino a non riuscire più a vedere le parole che leggevo (Wilbur Smith è il colpevole più recidivo); di dover trattenere una risata per non scoppiare in pubblico (proprio negli ultimi giorni, con la raccolta di fumetti di ZeroCalcare); di essere arrabbiata o impaurita o talmente scossa da dover mettere giù il libro… per me questa è vera magia. E invidio, e ammiro profondamente chi ne è capace – quello è talento, il resto è solo pratica o testardaggine, esercizio o lezioni imparate.
Insomma, oggi si parla di immagini… create da e per la mente, immaginate appunto, ma non solo.

  • a cominciare da questo splendido breve video, Birth of a Book. A me piace far caso ai font, alla carta 572191a0adb8f36a3c76787c00229fd7usata, all’impaginazione, alle copertine scelte; forse anche a voi. Sì, sono anche una di quelle insane persone che odorano i libri appena comprati (o anche prima di comprarli). Forse è per questo che il video che vi ho proposto mi piace tanto…
  • continuando a parlare di “film”, di sicuro avrete sentito parlare dei Book Trailers, giusto? Bene, in questo articolo della rubrica Coselli di Barta Edizioni, ce ne parlano in lungo e in largo, ed è tutto molto interessante: Nuovi Caroselli in Cerca d’Autore.
  • e per continuare sulla stessa linea, adesso vi parlo un momento di me: non sono solo una bibliofila e una grafomane, ma anche un’appassionata di Shakespeare. Queste informazioni, al momento, vi dicono una cosa sola: che sto per condividere con voi un video che sembra fatto apposta per me! Precisamente, What Shakespeare’s Plays Originally Sounded Like. Capisco che in generale possa sembrare un po’ noioso e poco interessante, ma è un video in cui un professore e suo figlio (attore) ricostruiscono non solo il sistema delle rime di Shakespeare, ma il suono ed il ritmo di alcune sue opere e tutto questo lo fanno dal Globe Theatre di Londra: per me, è qualcosa di molto vicino al paradiso.
  • se in ogni caso l’ultimo link non vi è piaciuto, siete liberissimi di insultarmi: ma solo se lo fate con le parole di questi personaggi famosi.

Buona Visione!
& ovviamente, Buona Lettura!