Il libraio suona sempre due volte – a cura di Matteo Eremo

Se siete delle persone che peccano d’invidia ve lo dico subito, lasciate perdere questo libro.
Lasciate perdere perchè questa è la storia vera di due ragazzi che da soli, in Italia, hanno aperto due librerie.

Mi rendo conto che la mia ultima frase si addice più al genere fantasy che al romanzo italiano contemporaneo eppure vi assicuro che Davide Ferraris e Davide Ruffinengo esistono per davvero e la loro Libreria Therese – Profumi per la mente si trova in corso Belgio a Torino. La conoscete già?

Ruffinengo, dopo aver iniziato con una libreria “tradizionale”, Profumi per la mente, cambia rotta e s’inventa (tra le tante cose), una Il-libraio-suona-sempre-due-volte-cop_teatro_Layout-1-700x1162libreria itinerante, diversa, costruita intorno al libro. Un libro che viene raccontato fermandosi nei luoghi più insoliti e suggestivi che forse, proprio per questo, riscuotono un grande successo tra il pubblico di lettori.
Nel suo perigrinare l’esplosivo Ruffinengo incontra l’affabulatore Ferraris e la sua libreria indipendente e fuori mano, Therese.
Dall’idillio tra i due librai nasce la libreria di Torino e la sua “succursale” nel foyer del Cinema Centrale , ma ancora più importante nascono così tanti progetti per la promozione del libro e della lettura da domandarsi se questi due trovino ancora il tempo per dormire!

Un libro che consiglio di leggere, soprattutto a chi sta intraprendendo la stessa strada di questi due ragazzi coraggiosi che insieme, uniti dalla stessa insolubile passione, danno vita al mestiere più bello del mondo.