• Cerca
  • Lost Password?
  • Lost Password?

IL BASSOTTO E LA REGINA Melania G. Mazzucco

Il Natale è alle porte, sarà banale ma vorrei recensire quello che è stato definito “un racconto di Natale, d’amore e d’amicizia” nella quarta di copertina di questo libro, che mi è stato regalato e che ho letto in brevissimo tempo.

I protagonisti sono tutti animali, gli uomini sono personaggi che potremmo definire “non protagonisti”, mutuando l’espressione dal cinema. L’io narrante è anch’esso un animale, una pappagallina, anche se entra in scena non da subito e l’associazione con l’io narrante non è del tutto immediata.

C’è Platone, bassotto poeta, dal corpo tozzo e dal cuore nobile; c’è Yuri, il suo padrone, che lo lascia solo per seguire la sua amata (in un’altra assonanza con il cinema, l’incontro fra Yuri e la ragazza, ad opera di Platone, ricorda molto quello fra i protagonisti della “Carica dei 101” di Walt Disney).

C’è Regina, bellissima levriera afgana, dagli occhi profondi e dal portamento nobile, che viene importata su un tir, insieme ad altre bestiole,  protagoniste di questa avventura, nell’ambito di un traffico illegale di animali, rapiti, trasportati, tenuti illegalmente e smistati dal “tatuato”, altro personaggio umano.

Si tratta sicuramente di una favola moderna, perché il bene, in seguito a innumerevoli disavventure, trionferà sul male, e l’essenza sull’apparenza. Si tratta sicuramente di una favola di Natale perché, come è nella migliore tradizione, termina proprio la Vigilia di Natale, con i dovuti ricongiungimenti.

Tuttavia ci sono anche delle scene molto cruente, descritte molto bene dall’autrice, ed è ben delineata, senza mezzi termini, anche la cattiveria e la miseria umana.

In questo romanzo, gli animali sono anche umanizzati a tratti, poiché vengono ad essi attribuiti sentimenti anche negativi, quali la menzogna, o il calcolo, che a mio modesto parere appartengono esclusivamente alla natura umana, sia perché dotata di razionalità, sia perché sporca, in contrapposizione alla natura pulita e istintiva dell’animale.

Il libro è da segnalare anche per delle frasi molto poetiche, come questa: “Le parole sono come la musica.  La comprendi, ti trafigge il cuore, ma se non conosci l’armonia, non potrai mai  riprodurla”.

 

 

Condividi
Recensione di
Miriam Caputo

Sono una divoratrice di libri, che ama la scrittura. Mi piace raccontare le storie che ho letto, ma anche inventarne di nuove e creare personaggi. Mi rispecchio in questa frase:
"Io voglio essere la trapezista, che fa il triplo salto mortale con il sorriso, la leggerezza, e non fa vedere la fatica dell'allenamento, perché altrimenti rovinerebbe il tuo godimento di lettore. Io voglio essere la trapezista e nulla voglio trasmettere della fatica del mio scrivere"
(Andrea Camilleri).

Vedi tutti i post
Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 commenti
Recensione di Miriam Caputo

Slider by webdesign