Favole – Victoria Francés

E in una domenica uggiosa, come lo sono tutte le domeniche, che si può fare, se non leggere?? E allora mi sono data ai volumi illustrati, meravigliosi, certo, ma poco pratici da portare in giro. Quale occasione migliore, che leggerli a casa, senza rischio che si rovinino, riscaldati sotto al plaid?!

Ho comprato questo volume credendo che si trattasse di qualcos’altro: una semplice raccolta di favole, dato il titolo. Invece mi sono ritrovata tra le mani un volume graficamente curatissimo, con una copertina di pelle nera, e intarsi in rilievo color rubino. Un’edizione da collezione per appassionati di questa scrittrice, che io ho conosciuto soltanto leggendo questo volume.

Favole è la storia dell’errante vagabondare di uno spettro perduto, ora ambientato a Venezia, ora a Genova, ora in Romania. I Vampiri costellano le pagine, come le tante vergini del lago, che galleggiano sull’acqua come tante Ofelie. Favole è una silfidevampirizzata dal grande amore, da cui poi sarà separata. Il suo viaggio ruota intorno alla ricerca della salvezza eterna e quella del castello in Romania, dove vive il suo Ezequiel. Durante il percorso ci imbattiamo in spiriti perduti, fantasmi, streghe, tutti protagonisti di brevi racconti nel racconto.

Le pagine sono interamente occupate dalle illustrazioni a regola d’arte, e ogni foglio di carta è estremamente curato, nel  colore di background e nei ricami che incorniciano la storia. Ogni disegno è un’opera d’arte, in cui il lettore si perde a studiare il dettaglio, sottraendo tempo prezioso alla lettura.

Un libro che si leggerebbe in un’ora, se non fosse per le immagini che rapiscono il lettore.
Un inno alla letteratura gotica d’altri tempi: all’inizio di ogni racconto una citazione d’autore. Si va da Baudelaire, a Mary Shelley, a Loreena McKennit, alla Bibbia, addirittura.

Lo stile dell’autrice –giovanissima- è poetico e confuso, come in un sogno. Una prosa intrisa di lirismo che trasporta il lettore in un altro mondo, una scrittura alla vecchia maniera dell’originale romanzo gotico, di cui il volume vuole essere una celebrazione.

Ogni altra parola su quest’opera sarebbe superflua, se non dannosa, quindi, se non vi ha attratto fin qui, non fa per voi. Se invece la vostra fantasia è stata stuzzicata, ammirate le immagini favolose che costellano le pagine di questo libro: sono loro che raccontano la storia, non le parole.

Un volume per collezionisti, per appassionati di gothic-fantasy, un po’ costoso, ma che, se amate la grafica e la bella arte, vale tutti i 25 euro che costa.