• Cerca
  • Lost Password?
  • Lost Password?

Dio odia il Giappone – Douglas Coupland

Quando voglio andare sul sicuro, mi rivolgo a Coupland, l’autore del celebre “Generazione X”.

Proprio tra quest’ultimo romanzo e il presente ci sono analogie, presentando entrambi una generazione, appunto, priva di ideali; tuttavia, in “Generazione X” i protagonisti erano ex colletti bianchi che avevano rinunciato alle loro professioni; qui invece sono dei freeter, ovvero giovani che scelgono fin da subito lavori precari (i McJob definiti in “Generazione X”?) per non rinunciare alla loro “libertà” – Ma libertà di cosa? Di disimpegno mentale, in realtà, visto che per il resto non fanno granché, oltre comprare vestiti alla moda, provarci con le ragazze o lanciarsi contro le vetrate (sic).

E’ uno scontro generazionale tra il protagonista Hiro, che lavora in negozi di telefonia e dorme in un locale semi-abbandonato, e i suoi genitori, votati al lavoro onorevole, a una casa onorevole, a una famiglia onorevole, se non fosse che la situazione non è così idilliaca come dovrebbe.

E poi ci sono i gaijin, gli occidentali, con il loro strano mondo di valori, che Hiro scoprirà durante un viaggio a Vancouver, all’inseguimento di amiche convertite (al maschio occidentale) e di qualsiasi cosa non sia il Giappone. Perché Hiro non riesce ad ammetterlo, ma lui odia il Giappone – quello tradizionalista in cui lui è una delusione per la sua famiglia, a causa dei bassi voti che non gli consentono di accedere alle università migliori e aspirare a un posto, ebbene sì, onorevole nella società nipponica.

Un autore, una conferma.

Dio odia il Giappone

 

Condividi
Recensione di
Antonio Soncina

Odio i best seller, soprattutto se di sfumature rosa, gialle o grigie. Ai classici preferisco storie contemporanee. Posso sopravvivere senza il rinomato "odore della carta" ma non con il Kindle scarico.

Vedi tutti i post
Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Recensione di Antonio Soncina

Slider by webdesign