Denti Bianchi – Zadie Smith

Questa recensione? Un parto!
Scritta ovunque, persa nei meandri del mio pc, finalmente ve la propongo seppur in versione ridotta.

D’altronde tale libro, tale recensione! Denti bianchi è uno di quei romanzi che mi perseguita da anni: sembra spuntare in ogni bancarella, in ogni libreria di amici, in ogni esposizione in libreria, ovunque.
Alla fine, ovviamente, mi sono arresa ma non prima di aver letto Della Bellezza che pure m’inseguiva da tempo.
Zadie Smith si riconferma strabiliante: è una di quelle scrittrici che ti convince di non poter scrivere a livelli professionali ma ti convince a voler leggere tutta la vita. Non si può raggiungere una tale maestria nell’intreccio e nella caratterizzazione dei personaggi.

Come per Della Bellezza, anche in Denti Bianchi troviamo una storia “di famiglia”, che stavolta si triplica fino a raccontarci le dinamiche, gli incastri e le esplosioni di tre famiglie londinesi diverse tra loro in cultura e ideali eppure con le stesse problematiche a volte impossibili da superare.
Un libro che consiglio a chi ama immergersi nelle vite degli altri, fare un viaggio e poi tornare.