Con i tuoi occhi – Lorenza Ghinelli

“Con i tuoi occhi” intreccia due narrazioni inizialmente parallele, in cui le protagoniste sono Irma e Carla.

La prima cresce con genitori distanti, sia fisicamente che affettivamente. Irma diventa preda del fascino di una ragazza più grande, che la introdurrà al sesso come merce di scambio per ottenere attenzioni; Irma, però, è troppo giovane per affrontare quel mondo, e ne rimane traumatizzata, diventando anaffettiva.

L’infanzia serena di Carla, invece, viene sconvolta da due eventi: la scoperta di essere acromate – i suoi occhi non distinguono i colori – e le difficoltà economiche della famiglia, costretta a trasferirsi; Carla dovrà quindi allontanarsi da Salvatore, che per lei rappresenta un amico, un fratello e forse qualcosa di più. Crescendo in un nuovo contesto, Carla maturerà un’identità sessuale diversa da quella che Salvatore dava per scontata.

A un certo punto, la storia delle due ragazze si sovrapporrà, creando ulteriore scompiglio nelle esistenze loro e delle persone vicine.

Nel cinema, fotografia e colonna sonora sono i complementi di dialoghi e azione; similmente, Lorenza Ghinelli ricorre spesso a metafore e similitudini per accompagnare la narrazione e lo fa con equilibrio.

L’autrice affronta vari temi con intelligenza: omosessualità, rapporto tra genitori e figli, la crisi delle tonnare di Favignana, la relazione tra etica e professionalità nel contesto dell’allevamento intensivo. Lorenza immerge il lettore nel mondo degradato di Irma con chiarezza ma senza eccessi. Il motivo principale di “Con i tuoi occhi” resta tuttavia la crescita dell’individuo e il conseguente confronto tra due mondi: quello esterno e il proprio, interno, con debolezze che non sempre possono restare nascoste.

“Con i tuoi occhi” è un’opera notevole, scorrevole e intensa al tempo stesso.

con-i-tuoi-occhi-di-lorenza-ghinelli-L-LNvO3D