Chine Immaginarie#27 – Montecristo, il Signore ama i ladri onesti… – Arkas

Io ho amore, compassione, bontà, altruismo… e tutto a prezzi ragionevoli”

La vita carceraria offre da sempre innumerevoli spunti di riflessione e infinite sfaccettature ironiche.

Arkas, con il suo piccolo e buffo alter ego, Montecristo (una sorta di incrocio tra castoro e pantegana), coglie gli aspetti più stridenti  della prigione e ne esalta i connotati umoristici.

Non sempre le battute arrivano a far ridere, più spesso le labbra si increspano in un sorriso amaro, ma è proprio questo che rende Montecristo speciale.

Attraverso i personaggi – arrotondati, molto somiglianti tra loro, la quintessenza della stereotipizzazione  (abbiamo l’ergastolano, il condannato a morte, il boia, il prete, il cuoco, la guardia giurata e tanti altri) – l’autore fissa dei momenti di comicità che spaziano dal pecoreccio al riflessivo.

montecristo striscia 2

L’unico che stona è, appunto, Montecristo – sgraziato fisicamente quanto lo è con le parole – creatura ibrida che non ha nessun motivo per restarsene in cella se non per i soldi che può estorcere ai prigionieri.

montecristo striscia

Una sequela di strisce divertenti, corrosive, tragiche e romantiche.

Uno…due…tre…”

Che fai  ora?”

Conto le tue costole per addormentarmi!”

montecristo-attesa-lunga