• Cerca
  • Lost Password?
  • Lost Password?

Chiedi alla luna – Nathan Filer

Matthew è un ragazzo con problemi psichici dovuti allo shock per la morte del fratello maggiore, Simon, avvenuta quando era bambino. La famiglia fa quello che può per reagire alla disgrazia e supportare il figlio nell’elaborazione dell’evento, finché Matt non decide di andare a vivere da solo, scrivere, disegnare e, soprattutto, non prendere le pillole della terapia.

Matthew rimane colpito da una lezione di fisica sugli atomi, e non riuscendo a staccarsi dal fratello scomparso, ne evoca lo spirito.

Se avete letto “Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte” e vi è piaciuto, siete sulla buona strada per apprezzare questo libro, anche se non risulta di facilissima lettura, dato che l’autore adotta (con moderazione) lo stratagemma della narrazione usato da Faulkner in “L’urlo e il furore” di passare dal presente al passato senza soluzione di continuità. Come riferimento, aggiungiamo un pizzico di “A beautiful mind” per la schizofrenia e mescoliamo il tutto.

Bell’esordio di Filer, che si divide tra la creatività letteraria e l’esperienza psichiatrica. Per tutti.

Chiedi-alla-luna-di-Nathan-Filer_main_image_object

Condividi
Recensione di
Antonio Soncina

Odio i best seller, soprattutto se di sfumature rosa, gialle o grigie. Ai classici preferisco storie contemporanee. Posso sopravvivere senza il rinomato "odore della carta" ma non con il Kindle scarico.

Vedi tutti i post
Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

5 commenti
  • Comprato ieri e pronto per essere letto.

    Verrà giudicato da varie prospettive (di chi lavora con quelle patologie e di chi sta aiutando un fratello minore a superare lo stesso lutto) e spero di non rimanere delusa.

    Insomma, non perdiamoci di vista!

  • Nella recensione (ottima come sempre) hai citato libri e film che ho apprezzato tantissimo – per il film ho versato anche copiose lacrime – quindi credo proprio che lo leggerò. Grazie

  • Letto sotto l’ombrellone (pessima idea!.. insomma, ho avuto un po’ di tempo per smaltire i commenti a caldo.

    Allora: bello, ma per gli addetti ai lavori. Entra talmente bene nel personaggio, e nelle sue turbe mentali, da risultare a tratti pesante ed angosciante per chi non ha a che fare tutti i giorni con “personaggi” del genere. La trama poteva essere molto più sviluppata (la figura femminile di cui tanto si parla non entra mai davvero nella vita di Matthew).

    PS: in ginocchia sui ceci per chi ha curato la traduzione. Steve è un TERAPISTA occupazionale, non un terapeuta!!!

Recensione di Antonio Soncina

Slider by webdesign