• Cerca
  • Lost Password?
  • Lost Password?

Che Tu Sia Per Me Il Coltello – David Grossman

Lo ammetto: non l’ho ancora finito. Mi mancano quelle ultime cinque-sei pagine …ma non posso resistere oltre, ho quasi paura che se non ne parlo subito mi sfuggirà dalle dita. Perchè questo romanzo “epistolare” è così ..sfuggente, leggero e intenso, pieno di emozioni fino all’orlo. Razionali, evitatelo; gente emotiva, preparatevi respirando profondamente; tutti gli altri …leggetelo! leggetelo! c’è tanta di quella poesia, passione, assurdità, emozione, mistero in questo libro, che ne vale proprio la pena.

La voce è quella di Yair – solo le sue lettere ci è dato di leggere, le sue lunghe, immense e profonde parole rivolte a Myriam: una donna che praticamente non conosce, ma che muore dalla voglia di conoscere “dal di dentro” dalla prima volta che l’ha vista (non visto, peraltro). D’accordo, è surreale come inizio, ma non importa: non è quello l’importante, la realtà dei fatti e la credibilità della storia. E’ importante lo sviluppo di questo rapporto fatto solo di parole e brevissimi ricordi, racconti di vita interiore ed esteriore, piccole vicende reali che quasi disturbano il flusso del sentimento. E’ un romanzo virtuale, se così si può dire, visto che i due non si incontrano.
Come sempre, non voglio andare troppo a fondo nella vicenda, perchè il mio consiglio di tutto cuore è quello di leggerlo, di immergersi e lasciarsi sprofondare nelle lettere di Yair e nella sua vita, immaginata più che reale: vedrete, alla fine c’è anche una piccola sorpresa.

Enjoy!

Condividi
Recensione di
Silvia Righetti

"Tutto quello che vedo mi ricorda qualcosa che ho letto in un libro... ma non dovrebbe essere il contrario? " (cit.); sono una grafomane, oltretutto, quindi dove altro pensavate di potermi trovare?

Vedi tutti i post
Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

4 commenti
  • Ho letto questo romanzo in quella che io chiamo “la mia vita precedente”, prima che una serie di vicende cambiasse forse per sempre il mio approccio con l’esistenza e con i sentimenti. In “quella” vita, ho amato immensamente questo libro: intenso e devastante, un’esplosione di emozioni e di passioni come in letteratura non mi è capitato mai più. Non so che effetto mi farebbe ora, se lo rileggessi: di certo posso dire solo che le studentesse a cui l’ho consigliato se ne sono innamorate.
    Grazie per avermelo ricordato: rivedere quella copertina è sempre un tuffo al cuore!

  • Io amo questo libro!!!!!!!!!!! Mi ha sedotta la copertina in libreria mentre girovago tra i libri, è stato un raptus, l’ho preso e poi l’ho divorato. Straordinario

  • Bellissimo romanzo, per quello che racconta e, soprattutto, per come lo fa. In teoria sarebbe tra i libri che non leggerei per il titolo evidentemente smielato, “da donna” ;) ma ho dovuto ricredermi.

Recensione di Silvia Righetti

Slider by webdesign