• Cerca
  • Lost Password?
  • Lost Password?

C’era una volta l’amore ma ho dovuto ammazzarlo – Efraim Medina Reyes

Questo libro non è un libro, è un grido. Per lo più di rabbia e insoddisfazio126862061_abaa6dd50c_mne ma anche di disperazione e rassegnazione. E’ un grido a volte assordante: ci sono parti che disorientano, si perde il filo bombardati da aneddoti, stralci di sogni raccontati come fossero la realtà. Si finisce con il pensare ( passatemi l’espressione poco aulica ) : ma che casino di storia, di vita, di uomo!

La vena autodistruttiva di Rep, il protagonista che vive a Bogotà ma si sente newyorkese e da newyorkese si ostina a vivere testardamente e assurdamente, ricorda un po Charles Bukowski. Alcol, droghe, donne, una vita vissuta all’insegna della trasgressione nel vigoroso tentativo di ESSERE o di morire provandoci, rifuggendo gli stereotipi di una Colombia che sta stretta come una prigione, idealizzando miti rock come Kurt Cobain, inventandosi registi e artisti in generale per sentirsi pieni, vivi, caldi, vibranti. E andando avanti così sempre e comunque senza dubbi o remore, continuamente bastonato dalla vita e dal ricordo di una certa ragazza, di un amore feroce e criminale che poteva salvarlo e invece lo ammazza, giorno dopo giorno, rendendolo un fantasma zoppicante che vagabonda senza meta per una Colombia irrequieta, in attesa della sera e del prossimo giro

Condividi
Recensione di
Redazione
Vedi tutti i post
Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

3 commenti
Recensione di Redazione

Slider by webdesign