Busti d’autore #8 – Edgar Allan Poe

« Gli uomini mi hanno chiamato pazzo; ma nessuno ancora ha potuto stabilire se la pazzia è o non è una suprema forma d'intelligenza. » Con Edgar Allan Poe siamo in presenza di una personalità ingombrante: figlio di due attori girovaghi del 1800, presto orfano, adottato da un ricco commerciante, espulso dall'accademia di Boston per condotta licenziosa, coinvolto in una relazione morbosa con la...

Busti d’autore #7 – Paul Auster

Paul Auster scrive da molti anni ma il sottoscritto lo conosce solo per i lavori più recenti e in particolare per: Follie di Brooklyn Invisibile Sunset park Tra questi, è possibile rintracciare alcuni denominatori comuni: Sesso non convenzionale Auster descrive relazioni incestuose (è il caso di "Invisibile") oppure personaggi omosessuali/bisessuali. In "Sunset..." una coppia, per timore di...

Busti d’autore #6 – James Graham Ballard

Avete visto il film "Crash", per la regia di Cronenberg? Be', io no, perché faccio lo snob - anzi, oggi si dice hipster - ovvero dico "Il film? Per carità, la solita operazione di commercializzazione che non reggerà mai il confronto con l'opera originale! Io ho letto il libro, sai." Bene. Se avete visto il film, oppure no, potrebbe interessarvi approfondire qualche altro lavoro dell'autore del...

Busti d’autore #5 – Italo Calvino

Non so ricostruire con sicurezza a quando risalga il mio primo incontro con l'opera di Italo Calvino (Santiago de Las Vegas, 1923 – Siena, 1985). Deve essere stato nei miei primissimi anni di insegnamento; ma se non ricordo precisamente quando ciò sia avvenuto, il fatto ha evidentemente una sua ragione. A parte qualche racconto su Marcovaldo, i primi libri di Calvino che ho letto sono stati i tre...