Alta Fedeltà – Nick Hornby

Di Nick Hornby sono una novizia assoluta sebbene avessi a casa (non mio ma di mia sorella e mai letto nemmeno da lei!) Tutto per una ragazza da tempo immemore.
Poi l’altro giorno ho ricordato il consiglio di un
amico che diceva che, davvero, non potevo non aver letto Alta Fedeltà che lui metteva addirittura nella sua personale top 10.
Così in un pomeriggio di ingordigia letteraria l’ho comprato. E l’ho letto in una serata.

Ingredienti di questo romanzo? Musica. Paranoia. Amore. E non sempre in quest’ordine.

La musica è fondamentale visto che il protagonista lavora in un negozio di vinili e sembra essere il tipico fissato in materia che non transige sulla sua clientela nemmeno quando il suo negozio è sulla via del fallimento e for
se uno sbocco più commerciale sarebbe la strada da intraprendere per non chiudere bottega.

La paranoia poi!
Avete presente (e qui parlo al pubblico femminile) tutti quei comportamenti degli uomini che non capite e che vi fanno impazzire, da dove vengono fuori? Da cosa sono scaturiti?
Ecco, Nick Hornby non è solidale con i suoi compagni di sesso e ci svela gran parte delle loro turbe/paranoie tanto che sono giunta alla conclusione che uomini e donne sono “malati” allo stesso livello, uno a uno palla al centro!

E l’amore.
Compare a tratti, a volte si nasconde così bene che arrivi a pensare che il protagonista è solo un cinico schifoso. Ma poi ecco la luce, un ricordo, una frase e si capisce che senza il sentimento questa vita perde la metà del suo senso.
Quante volte ci siamo nascosti dietro la freddezza solo per nascondere una ferita?

Dov’è che avevo messo Tutto per una ragazza? ;)