• Non dire notte – Amos Oz

    http://www.lalibreriaimmaginaria.it/wp-content/uploads/2016/12/9788807017155_quarta-250x180.jpg

    Published 20 febbraio 2017 at 05:38 - No Comments Continuando il mio viaggio nella letteratura israeliana, sono stata attirata da un titolo suggestivo, Non dire notte (Al taghidi layla, 1994) di Amos Oz (Gerusalemme, 1939). Dello stesso scrittore ho amato il recente Giuda, ma anche questo romanzo di vent'anni prima, estremamente diverso ma accomuna ...

    Non dire notte – Amos Oz
  • Dalla Libreria al Cinema #39 Colazione da Tiffany – Truman Capote

    http://www.lalibreriaimmaginaria.it/wp-content/uploads/2017/02/1-1-142x180.jpg

    Published 16 febbraio 2017 at 16:52 - No Comments "La più bella storia d’amore di tutti i tempi", recita la fascetta in sovra-coperta. In copertina la divina Audrey Hepburn, che indossa il tubino nero più famoso di tutta la storia dello spettacolo. In quarta di copertina: “da questo libro il film vincitore di 2 premi oscar con Audrey Hepburn ...

    Dalla Libreria al Cinema #39 Colazione da Tiffany – Truman Capote
  • Le piccole memorie – José Saramago

    http://www.lalibreriaimmaginaria.it/wp-content/uploads/2016/07/9788807886157_quarta-250x180.jpg

    Published 5 febbraio 2017 at 05:19 - No Comments Prima ancora che uno scrittore tra i più originali e un interprete tra i più lucidi del nostro tempo, José Saramago (Azinhaga, 1922 - Tías, 2010) è stato un uomo, la cui vita si trova riflessa più o meno direttamente nelle sue opere. Consapevole della traccia profonda che gli anni dell'infanzi ...

    Le piccole memorie – José Saramago
  • Lacci – Domenico Starnone

    http://www.lalibreriaimmaginaria.it/wp-content/uploads/2017/01/Lacci-250x180.jpg

    Published 27 gennaio 2017 at 13:13 - No Comments Un matrimonio, un adulterio, una crisi - un rapporto che sembrava aver tutto e invece si svela fragile. La reazione di lei (gli ultimatum, l'evidenza delle responsabilità), le indecisioni di lui (la gioia di vivere trasmessa dall'amante, il riflesso nel proprio successo professionale, il dolore che ...

    Lacci – Domenico Starnone
  • Dalla libreria al cinema #38 – Mari stregati – Tim Powers

    http://www.lalibreriaimmaginaria.it/wp-content/uploads/2017/01/mari-stregati-e1484655702687.jpg

    Published 24 gennaio 2017 at 08:00 - No Comments Il merito più grande del franchise de "I Pirati dei Caraibi" è senz'altro quello di aver ridestato un immaginario piratesco ancora molto ispirato e degno di essere raccontato. Ancor prima di partorire personaggi famigerati come Jack Sparrow e Will Turner, la filmografia targata Disney ha ripropos ...

    Dalla libreria al cinema #38 – Mari stregati – Tim Powers
  • Il dolore è una cosa con le piume – Max Porter

    http://www.lalibreriaimmaginaria.it/wp-content/uploads/2017/01/9788823515482_0_0_1562_80-250x180.jpg

    Published 14 gennaio 2017 at 19:41 - No Comments Il dolore è una cosa con le piume, edito da Guanda, conta appena 124 pagine ma il contenuto è così diverso, così nuovo e così abilmente scritto che la lunghezza del racconto è precisa come un taglio sartoriale. Non avrei voluto leggere una parola in meno né una in più. Provare a descrivere d ...

    Il dolore è una cosa con le piume – Max Porter

Non dire notte – Amos Oz

9788807017155_quarta
Continuando il mio viaggio nella letteratura israeliana, sono stata attirata da un titolo suggestivo, Non dire notte (Al taghidi layla, 1994) di Amos Oz (Gerusalemme, 1939). Dello stesso scrittore ho amato il recente Giuda, ma anche questo romanzo di vent'anni prima, estremamente diverso ma accomunato all'altro dalla vena intimista e malinconica, è un'opera apprezzabile. Theo e Noa si sono conosciuti in Sudamerica e insieme sono tornati a vivere in Israele, a Tel Kedar, un piccolo centro al confine del deserto del Negev. Lui è di quindici anni più anziano ed è un urbanista in pensione; lei insegna letteratura. Quando il giovane Immanuel, studente introverso e amante della letteratura, muore Leggi tutto

Dalla Libreria al Cinema #39 Colazione da Tiffany – Truman Capote

1 (1)
"La più bella storia d’amore di tutti i tempi", recita la fascetta in sovra-coperta. In copertina la divina Audrey Hepburn, che indossa il tubino nero più famoso di tutta la storia dello spettacolo. In quarta di copertina: “da questo libro il film vincitore di 2 premi oscar con Audrey Hepburn e Mickey Rooney”. “Non giudicare il libro dalla sua copertina” Sono d’accordo, ma in questo caso non si può fare a meno se non di giudicare, almeno di partire dalla copertina, che rimanda ad uno dei film più belli della storia del Cinema. Lasciamo un attimo da parte il film, e concentriamoci sul libro, nella versione italiana edito da Garzanti. La prima cosa che mi ha colpito è Leggi tutto

Le piccole memorie – José Saramago

9788807886157_quarta
Prima ancora che uno scrittore tra i più originali e un interprete tra i più lucidi del nostro tempo, José Saramago (Azinhaga, 1922 - Tías, 2010) è stato un uomo, la cui vita si trova riflessa più o meno direttamente nelle sue opere. Consapevole della traccia profonda che gli anni dell'infanzia e dell'adolescenza avevano lasciato impressa in lui, Saramago ha voluto raccogliere le più importanti delle sue memorie giovanili: così è nato Le piccole memorie (As pequenas mémorias, 2006). Il flusso dei ricordi non segue l'ordine cronologico degli eventi, bensì quello delle libere associazioni di idee, nella consapevolezza, peraltro, che la memoria può tradire, confondere, sovrapporre, Leggi tutto

Lacci – Domenico Starnone

Lacci
Un matrimonio, un adulterio, una crisi - un rapporto che sembrava aver tutto e invece si svela fragile. La reazione di lei (gli ultimatum, l'evidenza delle responsabilità), le indecisioni di lui (la gioia di vivere trasmessa dall'amante, il riflesso nel proprio successo professionale, il dolore che sa di dare alla sua famiglia), i figli trasportati dalla corrente dei conflitti. Starnone racconta questa storia con tre voci differenti: la prima parte è affidata alle lettere spedite da lei a lui subito dopo la scoperta del tradimento - troviamo l'urgenza espressiva di chi sta vivendo il dramma in quei giorni: un marito che non vuole proseguire il suo ruolo adducendo ciò che lei considera scuse Leggi tutto

Fuga dal Campo 14 – Blaine Harden

Print
Storia vera di Shin, che nasce e cresce in un campo di prigionia nord-coreano, costretto a seguirne le dieci regole per espiare le "colpe" della propria famiglia. Shin lavora duramente, subisce le vessazioni di guardie e insegnanti, contende il cibo alla madre (che vedrà giustiziata), si nutre di ratti e quant'altro riesca a rubare dagli orti statali; finché, ancora adolescente ignaro del mondo esterno, riesce a fuggire dal campo e, con molte difficoltà, comincia a raccontare la propria storia, aiutato da psicologi, genitori adottivi e un giornalista, ovvero l'autore del libro. "Fuga dal Campo 14" descrive un regime che sacrifica i diritti civili dei suoi stessi connazionali all'inseguimento Leggi tutto

Slider by webdesign