• La figlia femmina – Anna Giurickovic Dato

    http://www.lalibreriaimmaginaria.it/wp-content/uploads/2017/03/femmina-light-240x366-240x180.jpg

    Published 13 marzo 2017 at 23:24 - No Comments Anna Giurickovic Dato ha 27 anni e per il suo primo romanzo ha scelto di raccontare una storia sconcertante e fastidiosa. Fastidio è proprio la sensazione che ho provato inoltrandomi nella lettura, seguendo lo schema dell'autrice che ha deciso di portare i lettori in un antro così scuro del suo mo ...

    La figlia femmina – Anna Giurickovic Dato
  • Dalla libreria al cinema #38 – Il racconto dell’ancella

    http://www.lalibreriaimmaginaria.it/wp-content/uploads/2017/03/41MguzTGHzL._SX335_BO1204203200_-250x180.jpg

    Published 8 marzo 2017 at 05:34 - No Comments Nel 1985 la scrittrice canadese Margaret Atwood (Ottawa, 1939) pubblicò un romanzo distopico che ha ricevuto il Premio Arthur C. Clarke e il Governor General's Award e candidature a diversi altri riconoscimenti: il titolo, ispirato a Chaucer, è Il racconto dell'ancella (The Handmaid's Tale). Dopo ...

    Dalla libreria al cinema #38 – Il racconto dell’ancella
  • I migliori di noi – Andrea Scanzi

    http://www.lalibreriaimmaginaria.it/wp-content/uploads/2017/02/I-migliori-di-noi-cover-250x180.jpg

    Published 25 febbraio 2017 at 09:04 - No Comments Andrea Scanzi nasce giornalista, lavorando soprattutto per il Fatto Quotidiano. Il suo stile effimero, pungente ed estremamente colloquiale lo mette in cima ai miei preferiti del settore. Per questo non appena ho saputo che un romanzo era all’ orizzonte mi sono incuriosita e ho deciso di comprarlo ...

    I migliori di noi – Andrea Scanzi
  • Non dire notte – Amos Oz

    http://www.lalibreriaimmaginaria.it/wp-content/uploads/2016/12/9788807017155_quarta-250x180.jpg

    Published 20 febbraio 2017 at 05:38 - No Comments Continuando il mio viaggio nella letteratura israeliana, sono stata attirata da un titolo suggestivo, Non dire notte (Al taghidi layla, 1994) di Amos Oz (Gerusalemme, 1939). Dello stesso scrittore ho amato il recente Giuda, ma anche questo romanzo di vent'anni prima, estremamente diverso ma accomuna ...

    Non dire notte – Amos Oz
  • Lacci – Domenico Starnone

    http://www.lalibreriaimmaginaria.it/wp-content/uploads/2017/01/Lacci-250x180.jpg

    Published 27 gennaio 2017 at 13:13 - No Comments Un matrimonio, un adulterio, una crisi - un rapporto che sembrava aver tutto e invece si svela fragile. La reazione di lei (gli ultimatum, l'evidenza delle responsabilità), le indecisioni di lui (la gioia di vivere trasmessa dall'amante, il riflesso nel proprio successo professionale, il dolore che ...

    Lacci – Domenico Starnone
  • Dalla libreria al cinema #38 – Mari stregati – Tim Powers

    http://www.lalibreriaimmaginaria.it/wp-content/uploads/2017/01/mari-stregati-e1484655702687.jpg

    Published 24 gennaio 2017 at 08:00 - No Comments Il merito più grande del franchise de "I Pirati dei Caraibi" è senz'altro quello di aver ridestato un immaginario piratesco ancora molto ispirato e degno di essere raccontato. Ancor prima di partorire personaggi famigerati come Jack Sparrow e Will Turner, la filmografia targata Disney ha ripropos ...

    Dalla libreria al cinema #38 – Mari stregati – Tim Powers

La figlia femmina – Anna Giurickovic Dato

Anna Giurickovic Dato ha 27 anni e per il suo primo romanzo ha scelto di raccontare una storia sconcertante e fastidiosa. Fastidio è proprio la sensazione che ho provato inoltrandomi nella lettura, seguendo lo schema dell'autrice che ha deciso di portare i lettori in un antro così scuro del suo mondo narrativo che mi risulta davvero difficile prendere una posizione in merito. Terminato il libro ho subito pensato che, per una volta, la copertina scelta (un quadro di Balthus del 1938) è la perfetta rappresentazione del romanzo: il dipinto infatti  - così come la storia raccontata - imbarazza chi l'osserva. Cosa dovrei pensare di un quadro che raffigura una ragazzina seduta in maniera scomposta Leggi tutto

Dalla libreria al cinema #38 – Il racconto dell’ancella

Nel 1985 la scrittrice canadese Margaret Atwood (Ottawa, 1939) pubblicò un romanzo distopico che ha ricevuto il Premio Arthur C. Clarke e il Governor General's Award e candidature a diversi altri riconoscimenti: il titolo, ispirato a Chaucer, è Il racconto dell'ancella (The Handmaid's Tale). Dopo un duro periodo di transizione e un tragico colpo di stato, gli USA sono diventati Repubblica di Galaad, un regime totalitario, teocratico e militarizzato, in cui le donne in particolare sono state private di ogni diritto e di ogni libertà e divise in categorie rigidamente distinte anzitutto dal colore degli abiti: le Mogli, le Zie, le Ancelle... Queste ultime portano lunghi e larghi vestiti rossi Leggi tutto

I migliori di noi – Andrea Scanzi

Andrea Scanzi nasce giornalista, lavorando soprattutto per il Fatto Quotidiano. Il suo stile effimero, pungente ed estremamente colloquiale lo mette in cima ai miei preferiti del settore. Per questo non appena ho saputo che un romanzo era all’ orizzonte mi sono incuriosita e ho deciso di comprarlo. Lo stile è sempre il suo: stream of conciousness del ventunesimo secolo, incalzante a tal punto che a tratti c’è da chiedersi se a parlare sia lui, o le molte voci narranti nella sua testa. Estremamente autobiografico, questo romanzo nasce ad Arezzo, tra le mura della città vecchia, con le sue viuzze e i suoi luoghi di aggregazione, simbolo di un Italia che continua a brulicare fuori dai grandi Leggi tutto

Non dire notte – Amos Oz

Continuando il mio viaggio nella letteratura israeliana, sono stata attirata da un titolo suggestivo, Non dire notte (Al taghidi layla, 1994) di Amos Oz (Gerusalemme, 1939). Dello stesso scrittore ho amato il recente Giuda, ma anche questo romanzo di vent'anni prima, estremamente diverso ma accomunato all'altro dalla vena intimista e malinconica, è un'opera apprezzabile. Theo e Noa si sono conosciuti in Sudamerica e insieme sono tornati a vivere in Israele, a Tel Kedar, un piccolo centro al confine del deserto del Negev. Lui è di quindici anni più anziano ed è un urbanista in pensione; lei insegna letteratura. Quando il giovane Immanuel, studente introverso e amante della letteratura, muore Leggi tutto

Dalla Libreria al Cinema #39 Colazione da Tiffany – Truman Capote

"La più bella storia d’amore di tutti i tempi", recita la fascetta in sovra-coperta. In copertina la divina Audrey Hepburn, che indossa il tubino nero più famoso di tutta la storia dello spettacolo. In quarta di copertina: “da questo libro il film vincitore di 2 premi oscar con Audrey Hepburn e Mickey Rooney”. “Non giudicare il libro dalla sua copertina” Sono d’accordo, ma in questo caso non si può fare a meno se non di giudicare, almeno di partire dalla copertina, che rimanda ad uno dei film più belli della storia del Cinema. Lasciamo un attimo da parte il film, e concentriamoci sul libro, nella versione italiana edito da Garzanti. La prima cosa che mi ha colpito è Leggi tutto

Slider by webdesign